News Updates :

l' Arabo, una lingua da scoprire

giovedì 1 marzo 2012



Esempio di descrizione di lingue di immigrati, utilizzabile per la formazione di insegnanti (da “Italiano lingua seconda” a cura di A. Giacalone Ramat, in preparazione)



Le lingue degli apprendenti


Giuliano Bernini (Bergamo)

9.1.   Arabo

1.0.      L’arabo è la lingua di oltre 160 milioni di parlanti secondo la stima riportata in Lyovin (1997: 187). Come si vedrà tra breve, però, l’arabo non è un complesso linguistico unitario e i suoi parlanti sono parlanti nativi di dialetti diversi, talvolta non intercomprensibili.

1.1.      Dal punto di vista della classificazione genetica l’arabo (o meglio l’insieme di dialetti che chiamiamo per semplicità arabo) appartiene al ramo semitico della famiglia afro-asiatica. L’arabo è parente prossimo dell’ebraico, ambedue lingue del sottogruppo centrale del semitico occidentale; è inoltre parente meno prossimo del tigrino (v. scheda relativa in 9.X.), lingua del sottogruppo meridionale del semitico occidentale (Faber 1997: 6). Infine l’arabo è solo molto lontanamente imparentato con il somalo e il berbero, che nella famiglia afro-asiatica discendono da due rami diversi dal semitico.

1.2.      L’arabo è diffuso in un territorio che copre: il Medio Oriente dall’Iraq alle coste del Mediterraneo orientale —con l’eccezione dello Stato d’Israele— e alla penisola arabica; le coste africane del Mediterraneo fino al Marocco e alla Mauritania; il Ciad e parte del Sudan verso l’interno dell’Africa. Ad est l’arabo si incunea nella Turchia orientale in territorio curdo e in Iran in territorio persiano. È inoltre parlato in alcuni villaggi dell’Uzbekistan (nel 1938, anche a Buxarà, Versteegh 1997: 215), nonché a Kormakíti, nella parte settentrionale dell’isola di Cipro. Ad ovest l’arabo si espande in territorio berbero in Algeria e soprattutto in Marocco. Fino al 1492 è stata di lingua araba anche l’Andalusia. Sull’arcipelago di Malta è lingua ufficiale il maltese, un dialetto arabo occidentale con un cospicuo patrimonio lessicale romanzo, scritto in caratteri latini (cfr. Il-pajjiż fi-l-periklu. Salvaw-h ‘Il paese (è) nel pericolo. Salvate-lo’, dove le parti in neretto sono arabe).

1.3.      I paesi di lingua araba sono contraddistinti da una situazione di diglossia. In situazioni di diglossia due varietà della stessa lingua (ma anche di lingue diverse) sono usate in ambiti funzionali diversi. Le due varietà coinvolte sono la varietà di arabo detta fus1ħā ‘(lingua) più pura’ (con altra terminologia: arabo classico, arabo moderno standard) e quella detta ‘āmmiyya ‘(lingua) popolare’ (cfr. uso di volgare rispetto al latino nel Medioevo). La prima è la varietà di prestigio, sia scritta che parlata, riservata agli ambiti religiosi, culturali e ufficiali. È codificata in grammatiche e dizionari ed oggetto di insegnamento. La seconda è la varietà non prestigiosa, di fatto solo parlata in ambiti familiari e informali, non codificata in grammatiche e non oggetto di insegnamento. È però lingua madre di tutti i parlanti arabo, con marcata differenziazione dialettale per regioni e strati sociali (si veda anche Cuzzolin 2000).
Nel seguito di questa scheda si illustrano dapprima le caratteristiche della fus1ħā e in seguito quelle della āmmiyya.

1.4.                  Arabo classico/moderno standard
1.4.1.               Fonologia. I tratti più salienti nel consonantismo sono: l’assenza di p e di v dall’inventario dei fonemi (con ipodifferenziazione di pollo e bollo, ambedue bollo, ma non di v e f in italiano L2); la presenza di consonanti faringalizzate, dette ‘enfatiche’, pronunciate con l’innalzamento del dorso della lingua; la presenza di fricative di difficile discriminazione per gli italofoni prodotte nella parte posteriore della cavità orale (cfr. xammār ‘vinaio’ con fricativa uvulare sorda vs. ħammār con fricativa faringale sorda). Nel vocalismo, presenza di solo tre vocali brevi a, i, u.

1.4.2.               Grafia. Il sistema grafico usato per l’arabo classico/moderno standard scrive solitamente solo le consonanti e le semiconsonanti. Le vocali, costitutie da segni che si pongono sopra o sotto una segno di consonante, sono utilizzate in particolari tipi di testo religiosi o didattici. La direzione della scrittura è da destra a sinistra. Un esempio:
(1)  كتب
<bkt>¬, cioè in realtà <ktb>, che può corrispondere a kataba ‘egli scrisse’, kutiba ‘esso fu scritto’, katb ‘lo scrivere’.

1.4.3.               Morfologia. La parola è costituita da due serie di elementi inseriti a pettine l’una dentro l’altra: una radice, di solito costituita da tre fonemi consonantici, che veicola il tratto semantico principale di un elemento lessicale; una sequenza di vocali (o di vocale e zero) che veicola una categoria semantica generale (p.es. ‘azione’, ‘cosa’, ‘agente’, ma anche ’plurale’). L’intersezione dei due elementi costitutivi della parola araba è illustrata nella tabella seguente per le radici lessicali k-t-b ‘scrivere’, q-t-l ‘uccidere’ e f-t-ħ‘aprire’ e per le categorie semantiche elencate nella prima colonna a sinistra.


k-t-b
q-t-l
f-t-h
V perfettivo attivo
-a-a-
katab-a ‘lui scrisse’
qatal-a ‘lui uccise’
fataħ-a ‘lui aprì’
N azione sg.
-a-Æ-
katb ‘scrittura’
qatl ‘uccisione’
fatħ ‘apertura’
N cosa sg.
-i-a-
kitāb ‘libro’
qitāl ‘battaglia’
N agente sg.
-ā-i-
kātib ‘scrittore’
qātil ‘assassino’
fātiħ ‘chi apre’
N agente pl.
-u-CC-ā-
kuttāb ‘scrittori’
quttāl ‘assassini’
I mezzi di formazione di parola comprendono anche prefissi, come mi- per nomi di strumento, che si accompagna alla sequenza -ā-Æ, come in mi-ktāb ‘macchina da scrivere’ e in mi-ftāħ ‘chiave’.

1.4.4.               Sintassi. Nella frase l’ordine dei costituenti maggiori è Verbo-Soggetto-Oggetto. Come in molte lingue con verbo iniziale di frase, il verbo alla terza persona non si concorda con il soggetto plurale. P.es.

(2)       qatal-a l-ajnād-u                     s-sukkān-a                  ‘Le truppe uccisero gli abitanti’
uccise                              le-truppe-NOM    gli-abitanti -ACC

Oltre a frasi verbali, come quella illustrata qui sopra, l’arabo ha anche il tipo delle frasi nominali, con copula inspressa, p.es.

(3)                   ’allāhu ’akbaru           ‘Dio (è) il più grande’

Con una frase nominale è espresso anche il rapporto di possesso che in italiano è veicolato dal verbo avere. P.es.

(4)                   ‘andi               l-walad-i                     junaih-āni                               ‘Il ragazzo ha due pound
presso                       il-ragazzo-GEN    pound-DUALE

Coerentemente con l’ordine Verbo(-Soggetto)-Oggetto nella frase dichiarativa, l’arabo ha preposizioni (cfr. ‘andi ‘presso’ in (4)) e aggettivi solo postnominali. Anche genitivi sono postnominali e si trovano in rapporto detto di “stato costrutto” con il nome da cui dipendono. P.es.

(5)                   bi-sm-i                        llāh-i               r-raħmān-i                                                     r-raħīm-i
                               in-nome-GEN      dio-GEN                il-misericordioso-GEN                       il-pietoso-GEN
                        ‘nel nome di dio misericordioso e pietoso’

1.4.5.   Nel nome sono espresse le categorie di genere (maschile, femminile), numero (singolare, plurale, duale), caso (nominativo, accusativo, genitivo) e definitezza. Il nominativo è il caso del soggetto e ha desinenza -u (cfr. ’al-ajnādu in (2)), l’accusativo è il caso del complemento diretto del verbo —compreso il predicato nominale del verbo kāna ‘fu’— e ha desinenza -a (cfr. ’as-sukkana in (2)). Il genitivo marca la dipendenza da una preposizione o da un nome (cfr. ‘andi l-waladi in (4), llāhi in (5)). La definitezza è indicata dall’articolo invariabile preposto ’al-, la cui consonante può assimilarsi a certe consonanti iniziali della parola cui è preposto, cfr. ’as-sukkāna in (2) per ’al-sukkāna. L’indefinitezza è codificata con il suffisso -n, p.es. waladu-n, walada-n, waladi-n ‘un ragazzo’ nei tre casi del nome. Come illustrato in (5), gli aggettivi si accordano col nome da cui dipendono per il caso e la definitezza o l’indefinitezza.
            I pronomi hanno forme legate per le funzioni di complemento oggetto, complemento di preposizione e complemento di possesso. P.es.

(6)                   l-ī ‘a me’, la-ka ‘a te (uomo)’, la-ki ‘a te (donna)’

1.4.6.               Il sistema verbale è costruito intorno a due paradigmi, detti perfetto e imperfetto, p.es. alla terza singolare maschile kataba (perfetto), yaktubu (imperfetto) ‘scrivere’. In assenza di indicazioni temporali esplicite, le due forme sono generalmente interpretate come passato e, rispettivamente, presente. In presenza di indicazioni temporali esplicite come avverbi o frasi subordinate temporali l’interpretazione delle due forme è di tipo temporale e aspettuale: la prima ha valore perfettivo e la seconda imperfettivo. Nell’es. (7) la forma di perfetto ħmarra ha valore perfettivo e indica il completamento del processo di maturazione. L’interpretazione temporale è però futura.

(7)                   ’ajī’u-ka                      ’idā                  ħmarra                                   l-busru             (Comrie 1976: 79)
                               verrò-da te            quando  sarà maturato                     il-dattero
                        ‘Verrò da te quando il dattero sarà maturo’

1.5.                  I dialetti arabi
1.5.1.               Il tipo di arabo colloquiale in in uso nelle prime fasi della conquista (dal 632 d.C.) ha dato origine agli attuali dialetti arabi, che si possono classificare in dialetti (di gruppi) nomadi e dialetti (di gruppi) sedentari. A loro volta i dialeti sedentari si classificano in dialetti urbani e rurali, con ulteriori differenziazioni in base all’appartenenza religiosa dei parlanti.

1.5.2.               Tutti i dialetti sono caratterizzati dalle seguenti proprietà (tra altre) che li differenziano dall’arabo classico: in fonetica si è avuta caduta delle vocali finali (kataba ‘lui scrisse’ > katab); in morfologia si è perso il duale nei verbi e nei pronomi. Nel lessico i dialetti sono accomunati da certi cambiamenti di significato di certi lessemi rispetto all’arabo classico, come nel caso di šāf ‘vedere’, derivato da šayyifa ‘osservare dall’alto, perlustrare’.

1.5.3.               Nel nome lo stato costrutto è stato sostituito da una costruzione possessiva che contiene una preposizione sorta da parole piene col significato di ‘proprietà’, come in (8).

(8)                   arabo egiziano            il-bet               bitā’                            il-malik
                                                                           la-casa                  POSSESSO           il-re

I dialetti variano per la parola che ha dato origine alla nuova preposizione possessiva, come indicato nella tabella seguente.

Rabat
Il Cairo
Siria/Palestina
Baghdad
Possesso
dyal, d-
bitā’
taba’
māl
Ar.class.
dimostrativo?
matā’ ‘proprietà’
matā’ ‘proprietà’
māl ‘proprietà’

1.5.4.   Per quanto riguarda il sistema verbale, i dialetti hanno mantenuto la forma del perfetto con il valore che essa ha nell’arabo classico. L’imperfetto è invece diventata una forma modale con valore non-fattuale. In tutti i dialetti essa, preceduta da certe particelle o prefissi, esprime però l’aspetto continuo/abituale e il tempo futuro nella modalità fattuale corrispondente all’indicativo dell’italiano, come indicato nello schema seguente.
Ar.Class.
Imperfetto
Perfetto
Dialetti
Imperfetto
Continuo/Abituale
Futuro
Perfetto

Non-reale
Reale

Come nel caso della preposizione di possesso vista in 1.5.4., i dialetti sono accomunati dall’organizzazione del sistema verbale illustrata qui sopra rispetto all’arabo classico, ma divergono per quanto riguarda gli elementi che hanno dato origine a particelle e prefissi per l’espressione dell’aspetto continuo/abituale e del tempo futuro, come illustrato nella tabella qui di seguito.

Rabat
Il Cairo
Siria/Palestina
Baghdad
Cont. Fut.
ka-   ġa-
bi-   ħa-
‘am-   raħ (a)-
da-   raħ-
Etimo
kā’in ‘essente’
ġādī‘andante’
bi- ‘per mezzo di’?
rā’iħ ‘andante’
ammāl ‘facente’
rā’iħ ‘andante’
?
rā’iħ ‘andante’

Bibliografia
Comrie, Bernard, 1976, Aspect, Cambridge, Cambridge University Press.
Cuzzolin, Pierluigi, 2001, “Percezione del contatto di lingue: arabo classico, arabo moderno, italiano, dialetto”. In: Vedovelli, Massimo/Massara, Sefania/Giacalone Ramat, Anna (a cura di), Lingue e culture in contatto. L’italiano come L2 per gli arabofoni, Milano, Franco Angeli (Materiali linguistici 31), pp. 89-107.
Lyovin, Anatole V., 1997, An introduction to the languages of the world, New York/Oxford, Oxford University Press.
Faber, Alice, 1997, “Genetic Subgrouping of the Semitic Languages”. In: Hetzron, Robert (ed.), The Semitic Languages, London, Routledge: 3-15.
Versteegh, Kees, 1997, The Arabic Language, Edinburgh, Edinburgh University Press.
Share this Article on :
Ads arab tek

© Copyright Universtudy 2010 -2011 | Design by Herdiansyah Hamzah | Published by Borneo Templates | Powered by Blogger.com.