News Updates :

Dante definisce il Dolce Stil Novo

mercoledì 19 febbraio 2014

Dante, nel canto XXIV del Purgatorio, incontra Bonagiunta da Lucca e così definisce il Dolce Stil Novo:

“Ma dì s’i’ veggio qui colui che fòre
trasse le nove rime, cominciando
Donne ch’avete intelletto d’amore.”
Ed io a lui: “I’mi son un che, quando
Amor mi spira, noto, e a quel modo
ch’e’ ditta dentro vo significando.”
“O frate, issa vegg’io”, diss’elli, “il nodo
che ‘l Notaro e Guittone e me ritenne
di qua dal dolce stil novo ch’i’ odo.”

Parafrasi
Ma adesso dimmi se vedo qui di fronte a me colui che
inventò un nuovo modo di fare poesia, scrivendo la canzone
‘Donne che avete intelletto d’amore’.”
Gli risposi: “Io sono un poeta che, quando
l’Amore lo ispira, scrive, ed esprime esattamente
ciò che gli viene dettato dal cuore.”
“Oh fratello, adesso riesco a vedere bene”, mi disse,
“l’ostacolo che trattenne il notaio Iacopo da Lentini, Guidone
d’Arezzo e me lontano dal dolce stile nuovo che sento da te!

(Purg. XXIV, vv. 49-57)
Share this Article on :
Ads arab tek

© Copyright Universtudy 2010 -2011 | Design by Herdiansyah Hamzah | Published by Borneo Templates | Powered by Blogger.com.