News Updates :

Perch’i’ no spero di tornar giammai, Guido Cavalcanti

martedì 18 febbraio 2014

Perch’i’ no spero di tornar giammai,
ballatetta, in Toscana,
va tu, leggera e piana,
dritt’a la donna mia,
5 che per sua cortesia
ti farà molto onore.
Tu porterai novelle di sospiri,
piene di dogli’ e di molta paura;
ma guarda che persona non ti miri
10 che sia nemica di gentil natura:
ché certo per la mia disaventura
tu saresti contesa,
tanto da lei ripresa,
che mi sarebbe angoscia;
15 dopo la morte, poscia,
pianto e novel dolore.
Tu senti, ballatetta, che la morte
mi stringe sì, che vita m’abbandona;
e senti come ’l cor si sbatte forte
20 per quel che ciascun spirito ragiona.
Tanto è distrutta già la mia persona,
ch’i’ non posso soffrire:
se tu mi vuoi servire
mena l’anima teco,
25 (molto di ciò ti preco)
quando uscirà del core.
Deh, ballatetta mia, a la tu’ amistate
quest’anima che trema raccomando:
menala teco, nella sua pietate,
30 a quella bella donna a cu’ ti mando.
Deh, ballatetta, dille sospirando,
quando le se’ presente:
«Questa vostra servente
vien per istar con voi,
35 partita da colui
che fu servo d’Amore».
Tu, voce sbigottita e deboletta
ch’esci piangendo de lo cor dolente,
coll’anima e con questa ballatetta
40 va’ ragionando della strutta mente.
Voi troverete una donna piacente,
di sì dolce intelletto
che vi sarà diletto
starle davanti ognora.
45 Anim’, e tu l’adora
sempre, nel su’ valore.

Glossario e Parafrasi insieme
v.3. leggera e piana: gli aggettivi sottolineano l’aspetto stilistico del componimento, caratterizzato dalla scorrevolezza e dalla semplicità espositiva.
vv.1-6
Poiché io non spero di poter mai più ritornare in Toscana, o mia piccola ballata (ballatetta è un affettuoso diminutivo), va’ tu veloce e discreta (leggera e piana), direttamente alla mia donna, che ti accoglierà degnamente (molto onore) grazie alla
sua gentilezza.
vv.7-16
Tu porterai notizie dei miei sospiri, piene di dolore (dogli’) e di paure; ma fai attenzione che non ti veda (miri) nessuno che sia nemico del cuore nobile, perché per la mia disgrazia (disaventura) tu saresti certamente ostacolata (contesa) e tanto rimproverata (ripresa) da questa persona vile (lei), che ciò sarebbe per me motivo di angoscia; e poi (poscia), dopo la mia morte, ancora di pianto e di rinnovato dolore.

vv.17-26
Mia piccola ballata, tu senti che la morte mi incalza (mi stringe) a tal punto che la vita mi abbandona; e senti come il cuore si agita (si sbatte) violentemente per ciò a cui è rivolto ogni mio spirito vitale. La mia integrità di persona è ormai tanto distrutta che io non posso sopportare oltre (soffrire): se tu mi vuoi aiutare (servire) porta la mia anima con te – e di questo ti prego con insistenza – quando uscirà dal cuore.
v.20. ciascun spirito: si allude alla teoria filosofica, di derivazione averroista, degli “spiritelli” che nel cuore umano presiederebbero agli istinti e ai sentimenti; in Cavalcanti diventano la personificazione dei sentimenti e delle funzioni vitali.

27-36
Oh, mia piccola ballata, affido alla tua amicizia (amistate) quest’anima che trema: portala con te con il suo dolore (nella sua pietate) da quella bella donna dalla quale ti mando. Oh, mia piccola ballata, quando sarai davanti a lei, dille sospirando: «Questa vostra serva fedele viene per restare con voi, allontanandosi (partita) da colui (il poeta) che fu servo d’Amore».
v.35. partita: separatasi.

37-46
Tu, voce angosciata e fioca che esci piangendo dal mio cuore sofferente, riferisci (alla mia donna) insieme all’anima (v. 45) e insieme a questa cara ballata che la mia personalità è distrutta (strutta mente). Voi troverete una donna bella, tanto gentile (di sì dolce intelletto: letteralmente, di tanta comprensione intellettuale e affettiva) che per voi sarà una gioia stare sempre in sua compagnia. Anche tu, anima, adorala sempre, per le sue virtù spirituali (valore).


41. Voi: si riferisce alla voce del poeta, all’anima, alla ballatetta.



Share this Article on :
Ads arab tek

© Copyright Universtudy 2010 -2011 | Design by Herdiansyah Hamzah | Published by Borneo Templates | Powered by Blogger.com.