News Updates :

Verso un cinema d’arte di massa

giovedì 22 maggio 2014

Nella situazione descritta, i generi popolari europei mantennero la loro stabilità. Il pubblico internazionale era attratto dalla commedia italiana, (Pane e Cioccolata, 1973, Franco Brusati a Johnny Stecchino, 1992, Roberto Benigni), le commedie sexy francesi e l’eccentrico umorismo britannico (i film dei Monty Python).
Quando venne liberalizzata la censura, in Europa dilagò il cinema erotico e pornografico che perdurò fino all’inizio degli anni Ottanta, quando le videocassette si sostituirono al grande schermo.

I produttori e i registi si rivolsero ad un cinema più accessibile, meno provocatorio e distruttivo di quello dell’epoca del modernismo. In Italia Ettore Scola diventò regista di fama internazionale fondendo con intelligenza il modernismo del cinema d’arte con la commedia accessibile al grande pubblico, C’eravamo tanto amati, 1974; Una giornata particolare, 1977; Ballando ballando, 1983.
Registi di successo utilizzarono le coproduzioni per creare opere prestigiose ed esportabili. Andrzej Wajda, in esilio dalla Polonia, girò film in Francia e in Germania occidentale. L’albero degli zoccoli, 1978, di Ermanno Olmi segnò un ritorno al neorealismo ricostruendo la vita dei contadini alla fine del diciannovesimo secolo, facendoli parlare con il loro dialetto originale.

Paolo e Vittorio Taviani, che negli anni Sessanta e Settanta avevano promosso un cinema politico umanistico e populista, acquistarono prestigio internazionale con il successo di Padre padrone, 1977, con il neorealista La notte di San Lorenzo, 1982, gli esuberanti adattamenti delle novelle di Pirandello Kaos, 1984, mentre, Good Morning Babilonia, 1987, recupera la romantica semplicità del cinema muto americano. I Taviani, insieme a molti altri, diedero vita a una ‘tradizione di qualità’ internazionale nel cinema degli anni Settanta e Ottanta.
 
Il nuovo cinema internazionale fece anche critica politica. Il nuovo cinema tedesco in particolare si conquistò negli anni Settanta il rispetto di tutto il mondo. Rainer Werner Fassbinder cercò di ricordare agli spettatori tedeschi che il loro Paese aveva ancora forti legami con il passato nazista. Fassbinder era anche molto interessato alla storia contemporanea, come dimostrano le sue opere relative ai rapporti omosessuali, la sua critica della sinistra e la sua parodia del terrorismo chic.
 
Molti registi cominciarono a descrivere i conflitti sociali in maniera più realistica. In Francia Maurice Pialat affronta problemi come il divorzio, i bambini indesiderati e il cancro.

In Gran Bretagna, la vita della classe operaia rappresentava uno dei soggetti del cinema realistico. Un cinema politico più sperimentale e di rottura fu quello di Alexander Kluge che ritornò alle frammentarie allegorie storiche che indagavano sulle conseguenze durature del nazismo e della guerra (La patriota, 1979)
Il più importante dei registi che appartengono alla tradizione del cinema politico degli anni Ottanta fu il greco Theo Anghelopoulos. Negli anni Ottanta Anghelopoulos aveva preso il posto di Antonioni e di Jancsò come principale fautore di uno stile cinematografico caratterizzato dall’uso dei piani sequenza.

Nuove donne registe La più grande ondata di film politicamente impegnati venne dalle donne. Nel cinema popolare, le commedie sull’amicizia femminile e sui rapporti fra uomo e donna dell’italiana Lina Wertmuller, della tedesca Doris Dorrei e delle francesi Diane Kurys e Coline Serreau ottennero un grande successo. Altre registe espressero preoccupazioni femminili o femministe attraverso le convenzioni del cinema d’arte: Margherite Duras, Margarethe von Trotta e Agnès Varda, Senza tetto né legge, 1985, e la belga Chantal Akerman.

Le donne registe formarono una vera e propria ala del nuovo cinema tedesco di cui facevano parte Helke Sander, Helma Sanders-Brahms, Jutta Brueckner e naturalmente Margarethe von Trotta, che era l’esponente più nota.


Share this Article on :
Ads arab tek

© Copyright Universtudy 2010 -2011 | Design by Herdiansyah Hamzah | Published by Borneo Templates | Powered by Blogger.com.